Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

La via della volontà


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

"E non trovando modo d'introdurlo a motivo della calca, salirono sul tetto, e fatta un'apertura fra i tegoli, lo calaron giù col suo lettuccio, in mezzo alla gente, davanti a Gesù" (Luca 5:19)

Che storia meravigliosa! Le folle che si accalcavano intorno al nostro Signore, erano così numerose che riempivano non soltanto la casa dove Egli si trovava, con i Farisei e gli uomini dotti, ma pullulavano in un'enorme moltitudine nel cortile esterno.

Mentre stava insegnando, subito si avvicinarono quattro uomini, portando su di una sorta di barella un uomo paralizzato. Non ci viene detto in modo chiaro che fossero dei giovanotti, ma il loro entusiasmo e la loro determinazione c'inducono a pensarlo. È interessante notare che il Signore gli concesse il perdono dei peccati ben prima di guarire il suo corpo. I quattro compagni del paralitico probabilmente avevano udito predicare Cristo e divennero Suoi seguaci, perché fu "vedendo la loro fede" che Egli compì questo miracolo di salvezza e di guarigione. Essi decisero che in un modo o nell'altro avrebbero portato il loro amico alla presenza misericordiosa di Cristo. Incapaci di farsi strada da soli in mezzo alla folla, non si scoraggiarono, ma salirono sul tetto e com'è scritto "lo calaron giù fra i tegoli". Abbassato da braccia possenti, con le quattro funi, il lettuccio oscillò ai piedi del Maestro, e gli occhi imploranti di questo pover uomo non avrebbero potuto lanciare un appello d'aiuto più eloquente di quanto fece la fede evidente dei suoi amici.

Le parole con cui il nostro Signore lo accolse furono amorevoli e piene di grazia: "0 uomo, i tuoi peccati ti sono rimessi". Uno dei modi più sicuri per conservare la salute fisica è l'essere certi della purificazione spirituale e del perdono divino (cfr. Giac. 5:14-16). Che cosa accadrebbe se tutti noi fossimo altrettanto impazienti nel portare i nostri amici a Cristo? Se ogni quattro credenti si accordassero per adoperarsi in funzione di un loro amico, senza adagiarsi finché non fossero riusciti a portarlo a Gesù, che grande risveglio potremmo sperimentare! (cfr. Giov. 4:28-30).


Data: 02/09/2007
Visite: 2434
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (178).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
7183 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (139).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
9254 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (101).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
4874 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (158).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
4613 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2018 eVangelo. Tutti i diritti riservati