Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Il salmo del pentimento


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

"Poiché io conosco i miei misfatti, e il mio peccato è del continuo davanti a me. Io ho peccato contro te, contro te solo, e ho fatto ciò ch'è male agli occhi" (Salmo 51:4)

"Difatti, tutti hanno peccato e son privi della gloria di Dio" (Romani 3:23)

Questo salmo è come la gradinata di un tempio, affollato da miriadi di penitenti. La pagina è bagnata dalle lacrime dei più santi come da quelle dei più peccatori.

Osserva le definizioni di peccato. Il perdono è una cancellazione operata sulla tormentata pagina della vita; da qui il grido: "Cancella i miei misfatti". Oh, che Dio cancelli gli scarabocchi e le macchie degli ultimi anni, e riporti il candore della nostra fanciullezza! È una macchia sulla veste bianca dell'anima; da qui la richiesta: "Lavami del tutto della mia iniquità". C'è soltanto un modo per accedere alla città santa: "Hanno lavato le loro vesti, e le hanno imbiancate nel sangue dell'Agnello". È come la lebbra: "Purificami con l'issopo, e sarò netto". Quando Gesù stese la Sua mano e toccò il lebbroso dicendogli: "Sii mondato", compì un gesto carico di un significato che andava ben al di là della semplice guarigione fisica.

Osserva le condizioni del perdono. Si tratta di confessare. La trasgressione deve essere riconosciuta. Dobbiamo renderci conto che il peccato non è soltanto un danno contro l'uomo, ma offende direttamente Dio. La nostra confessione non deve essere superficiale, ma intima e profondamente sentita. Dobbiamo ritornare alle nostre posizioni iniziali, quando il peccato era confinato nei recessi più remoti e nascosti.

Osserva la supplica in vista della purificazione e della giustizia. Il cuore puro deve essere creato, poiché dentro di noi non ci sono le condizioni che consentano di plasmarlo sul modello approvato da Dio. L'epistola agli Efesini (4:24), ci dice che è stato dato corso ad una nuova creazione proprio per questo motivo. Desideriamo uno spirito "giusto" e "saldo", che non devii a destra o a sinistra, ma che prosegua avanti, in direzione della meta. Il significato della parola greca tradotta con il termine peccato è: "Mancare il bersaglio". Desideriamo uno spirito che non si lasci sviare, uno spirito veramente "libero" e volenteroso. Che meravigliosa trasformazione è stata operata in miriadi di persone! (cfr. I Cor. 6:11).


Data: 13/05/2007
Visite: 1396
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (144).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
7183 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (105).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
9254 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (67).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
4874 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (124).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
4612 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2018 eVangelo. Tutti i diritti riservati