Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

"Se alcuno vuol essere il primo..."


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

Marco 9:30-37

Gesù stava parlando della Sua morte e resurrezione imminen¬te eppure i discepoli, pur non comprendendo la portata di quel-l'annuncio, si guardavano bene dall'approfondire l'argomento. Erano intenti a dibattere fra loro per stabilire chi avrebbe dovuto assumere la conduzione della nascente comunità. Tale discussio¬ne pare abbia assunto peraltro toni alquanto vivaci, riscaldando gli animi dei discepoli.

1 discepoli non avevano compreso il significato della morte e resurrezione di Gesù, e soprattutto non avevano ancora inteso chiaramente che il Salvatore risorto, vivente e glorioso, sarebbe stato l'unica guida, perenne ed autorevole della Sua Chiesa. Egli non ha abdicato dalla posizione di primato e signoria che Gli compete. Egli è il solo autentico Capo ed il perfetto esempio di fede che chiama ogni discepolo ad essere un autentico collabo-ratore nell'edificazione del Suo Regno.

Gesù regna dopo aver rinunciato "scandalosamente" alla Sua regalità, facendosi ubbidiente sino alla morte della croce. Attraverso la Sua esperienza ed il Suo esempio, Egli ha mostrato quale debba essere il giusto atteggiamento interiore di quanti vo-gliono collaborare alla Sua opera.

Nessuno può assumere responsabilità nell'opera del Signore se prima non acquista la semplicità di carattere di un fanciullo, spogliandosi di ogni arroganza ed ambizione, se non acquista la disposizione naturale all'apprendimento e la stessa mancanza di malizia e artificialità di un bambino.

Nessuno può essere un vero collaboratore di Cristo Gesù se non è disposto a servire piuttosto che ad essere servito, adope¬randosi con abnegazione e senza risparmio come un modesto la¬voratore che fa solo il proprio dovere e spesso in maniera limita¬ta e difettosa.

Nessuno potrà essere realmente utile al Signore se non è disposto a considerarsi 'l'ultimo di tutti", e non certo il migliore o il più meritevole. Bisogna saper riconoscere che altri credenti ven-gono giustamente onorati più di noi, poiché sono stati maggior-mente dotati di talenti e doni spirituali.

Ricordiamo che solo Gesù è il Primo e l'Ultimo, l'Alfa e l'Omega e noi siamo tutti fratelli: sono beati dunque coloro che non fanno nulla per vanagloria o per spirito di parte ma che, u¬milmente, stimano gli altri più di sé stessi.


Data: 04/04/2009
Visite: 2243
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (24).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
8683 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (197).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
13161 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (103).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
6049 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (160).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5880 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2021 eVangelo. Tutti i diritti riservati