Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

NOI ABBIAMO PECCATO


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

Numeri 21:1-35

Passato il Mar Rosso, quando lo scoglio maggiore è stato su¬perato, l'entusiasmo, l'amore iniziale e i canti di lode paiono sce¬mare man mano che la stanchezza e poi lo scoraggiamento si fanno strada nel popolo di Israele, quel popolo consacrato dall'Eterno per servirlo.

I molti nemici da affrontare, il deserto e il lungo pellegrinare, li hanno ormai resi vulnerabili. E' a questo punto che un nemico invisibile e subdolo si insinua tra loro: è la polemica aperta, lo scontro più feroce sui programmi, le scelte fatte, l'immediato fu¬turo. La ribellione contro l'Eterno ed il suo servitore Mosè diventa incandescente e incontrollabile. Si dimenticano presto delle ac¬que amare (del mondo) diventate dolci e dissetanti (per mezzo di Dio), ci si dimentica della Manna (Pane che scende dal Cielo), miracolosamente mandato dall'Eterno. La guida e la protezione erano l'espressione dell'amore dell'Iddio Liberatore e Salvatore, in una terra ostile in cui all'uomo, malgrado tutte le sue risorse, sarebbe risultato impossibile sopravvivere e salvarsi.

La Manna non è più gradita, ora la loro esistenza è fatta di tan¬ti perché E' a questo punto della loro indecisione, stanchezza e scoraggiamento che l'Eterno, vuole indurli a confessare il pec¬cato e dire "Noi abbiamo peccato". E manda dei serpenti veleno¬si e mortali (dal morso ardente) che li tormentano senza sosta.

L'intercessione del Suo Servo (Cristo) Mosè viene ascoltata dall'Eterno che comanda a Mosè di mettere sopra una pertica (croce), un serpente di rame e chiunque lo guarderà potrà vivere.

Cristo si è fatto peccato; per noi il Signore della gloria ha dovuto affrontare l'abisso delle sofferenze fisiche, delle violenze morali e dell' umiliazione più atroce delle Sue prerogative divine. Tre ore di tenebre e il Figlio di Dio, l'Uomo Perfetto fu elevato co¬me quel serpente di rame. Solo guardando a Lui si può essere salvati dal morso velenoso del peccato ed avere la vita eterna.


Data: 04/04/2009
Visite: 2167
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (36).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
8683 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (209).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
13161 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (171).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
6049 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (16).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5880 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2021 eVangelo. Tutti i diritti riservati