Powered by eVangelo
titolo
A cura di
Informazioni Contatti Newsletter Articoli Uscita
  Articoli
 
 
  Utenti
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Gruppi
Perche cado nello stesso peccato?

Autore: Luca
Inserito da shedar

Pace.Mi chiamo Luca e non sto qui a prolungarmi molto....Sono molto affranto e deluso.Sono sposato ed ho una bimba di 10 anni.Ho problemi fisici e un grandissimo esaurimento nervoso.Volevo semplicemente chiedere:perchè ricado sempre nello stesso peccato e dopo averlo commesso ho sempre sempre rimorsi di coscienza e prometto a Dio di non commetterlo più e mi sento veramente pentito di quello che ho fatto,ma poi passato del tempo ci ricado sempre? E'' vero che non mi nutro tanto della parola di Dio e ogni volta che voglio farlo dico sempre:"Prometto che da stasera devo leggere e pregare e invece.....niente! So di amare Dio tanto ma non riesco a fare ciò che Lui vuole....... Pregate per me e consigliatemi o datemi una parola di conforto o un metodo per studiare la parola e liberarmi da tutti i legami che ho.


Risposta:

Carissimo Luca, se cadiamo sempre nello stesso peccato purtroppo è necessario ammettere che non ci siamo veramente allontanati da esso. La Bibbia dice chiaramente che il peccato diventa come un laccio che porta ad inciampare sempre, e ogni volta la situazione va a peggiorare: diventiamo schiavi del peccato, succubi delle nostre concupiscenze e del nostro egoismo. Questa è la verità. Ah certamente.....ci sono pure quelli che hanno tante bellissime e logiche giustificazioni: ma quelle ( e non sempre) servono solo a mascherarci davanti agli uomini, non certo davanti a Dio. Tu stesso nella tua lettera dai le risposte alle tue domande, e io non posso che confermarti quanto hai detto già tu: se non dimoriamo nel Signore, Lui non dimora in noi. E questo significa che cadremo sempre negli stessi peccati, che ci sentiremo dei cristiani falliti, che mostreremo sul viso una eterna insoddisfazione e frustazione spirituale, e che non saremo mai una luce di nuova vita per gli altri. La natura umana è questa, siamo tutti dei peccatori. Ma allora non c'è speranza? Io non posso fare proprio niente per cambiare, perchè è assolutamente inutile? Qualcuno, certamente si starà facendo queste domande. La risposta la dà la Bibbia, che è la Parola di Dio: GESU' E' VENUTO PER SALVARE I PECCATORI. E mi pare di sentire, quindi : e si, certo, si fa presto a dire "Gesu è venuto per i peccatori..." io prego per quel che posso, io sono me stesso, come posso fare a cambiare? Dio lo sa che io sono fatto cosi. Tutto verissimo. Ma proprio tutto, parola per parola. Ma la differenza, che apparentemente può sembrare irrilevante, in realtà è grande quanto l'eternità. Il soggetto della frase non è "IO" ma GESU. Il peccatore è l'oggetto, lo scopo della missione di Cristo. Il soggetto, cioè Colui che muove la nostra vita, Colui che ha a cuore che noi ci salviamo e ci allontaniamo da ciò che è garanzia di male eterno, Colui che vuole donarci la vera gioia è Gesu, e a Lui tutto è possibile. Ma come in tutte le cose, ecco la condizione. Piccola o grande, a seconda di come la vogliamo leggere. La soluzione è credere in Lui, credere che veramente abbiamo sempre il Suo amore, e credere che Gesù è l'unico che può perdonare, cancellare e dissolvere QUALSIASI peccato e legame perchè Egli è il Figlio di Dio. Quando crediamo che qualcuno ci possa aiutare, e abbiamo fiducia in lui, avviene che ammettiamo davanti a lui tutti i nostri errori, e ci lasciamo guidare dalla sua correzione e dalla sua parola. Dio ti ama, e quello che ti chiede è di fidarti di Suo figlio che è venuto sulla terra a morire come sacrificio al tuo posto, proprio perchè tu come me sei debole se stai lontano dal Suo amore.

Dio ti benedica
Con affetto fraterno
Cinzia


Data: 12/03/2008
Visite: 11802
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

vuoi anche un metodo per vincere la schedina?

hehehe..

scherzi a parte.

un metodo per leggere la bibbia, senza che sia "pesante" (questo dipende da persona a persona ovviamente) è sempre stato cominciare antico e nuov testamento assieme, un pò di uno e un pò dell'altro.

per quanto riguarda il tuo peccato, l'unica cosa che devi fare è andare da chi ha vinto il peccato, ovvero Dio.

Ero nella tua stessa situazione (magari un peccato diverso, ma uno vale l'altro..).

impotente e abbattuto continuamente.

sai cosa facevo?

ogni volta che capitava andavo subito a Dio, senza nascondere nulla, senza tentare di giustificare niente.stavo male, certo,ma davanti a Dio ho pianto talmente tanto che o si è stufato di sentirmi, o semplicemente è stato giusto cosi..

è stato facile? NO

è stato veloce? NO

ora sono libero? SI

vuoi la libertà? se veramente la vuoi chiedila aDio, nessun'altro te la può dare. e se veramente la vuoi, te la darà.

un caro abbraccio

bugbbolo, il 18/05/2009 18.32.00
  

     
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

Conclusioni esagerate
00.gif
10/06/2015
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (120).jpg
Conclusioni esagerate
Roberto
5512
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1497&filtro=
ziaste77
False
€ 0,00
Per il lavoro
00.gif
10/06/2015
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (81).jpg
per il lavoro
Anonimo
5736
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1498&filtro=
ziaste77
False
€ 0,00
Gli studi universitari vanno a rotoli...
00.gif
13/03/2012
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (43).jpg
Coraggio, lotta nella preghiera.
anonimo
9588
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1259&filtro=
madomi
False
€ 0,00
Un legame di cui non riesco a liberarmi
00.gif
25/01/2012
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (100).jpg
Siamo ciò che guardiamo!
anonimo
12470
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1235&filtro=
madomi
False
€ 0,00
© 2002-2017 eVangelo. Tutti i diritti riservati