Powered by eVangelo
titolo
A cura di
Informazioni Contatti Newsletter Articoli Uscita
  Articoli
 
 
  Utenti
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Gruppi
Sono infelice

Autore: Marta
Inserito da madomi

Ho 17 anni. Non ho mai accettato il divorzio dei miei genitori, per l'infelicità sono ingrassata, rovinando il mio corpo. Ho molte paure, mi sento diversa e inferiore agli altri. Soffro per amore, ho ricevuto l'ennesima grande delusione, divenuta mio problema centrale. Nessuno mi vuole, non piaccio a nessuno. Tutto ciò mi affligge, piango tutti i giorni, vomito quello che mangio. Non riesco a dimenticare. Amo Dio, lo prego da un anno purchè mi salvi, ma ottengo l'effetto contrario. Mi sento delusa e abbandonata.

Cara Marta, capisco che non è proprio un bel momento!
Se cercassi delle parole per incoraggiarti, potrebbe esserti utile, ma, a volte, le sole parole non sono sufficienti. Quelle che hai appena usato per descriverci la tua situazione e il tuo stato d'animo, possono solo in parte rivelarci la sofferenza che stai vivendo. Posso però invitarti a non mollare mai!
Tu sei giovane, hai certamente un futuro davanti a te e quel Dio, che tu stessa hai dichiarato di amare, lo sta preparando e sarà un futuro radioso, anzi, se tu credi, se hai fiducia in Lui, puoi già cominciare a viverlo da adesso, perché ciò che Egli promette lo mantiene: "Infatti io so i pensieri che medito per voi ", dice il SIGNORE: "pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza." (Geremia 29: 11)
Se sei delusa, se ti senti abbandonata, ricorda che dove c'è il dolore, lì c'è tutta la pietà di Dio e anche se in questo momento la vita ti sembra insopportabile e difficile non lasciarti privare, da niente e da nessuna cosa, della gioia di vivere.
Qualunque sia la condizione dolorosa che stai vivendo, vai a Colui che può rischiarare con il Suo amore e la Sua presenza i tuoi giorni: Cristo Gesù. Egli soltanto è in grado di farti assaporare veramente cosa vuol dire vivere!

Quando tutto sembra perdere significato o gusto, quando l'acidità più aspra esala nel cuore, ricorri a Colui che può consolare e vivificare l'anima tua. La promessa è per te: "Gustate e vedrete quanto l'Eterno e buono! Beato l'uomo che confida in lui." (Salmo 34:8)


Data: 13/01/2012
Visite: 5395
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

     
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

Conclusioni esagerate
00.gif
10/06/2015
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (83).jpg
Conclusioni esagerate
Roberto
6230
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1497&filtro=
ziaste77
False
€ 0,00
Per il lavoro
00.gif
10/06/2015
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (43).jpg
per il lavoro
Anonimo
6429
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1498&filtro=
ziaste77
False
€ 0,00
Gli studi universitari vanno a rotoli...
00.gif
13/03/2012
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (6).jpg
Coraggio, lotta nella preghiera.
anonimo
10003
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1259&filtro=
madomi
False
€ 0,00
Un legame di cui non riesco a liberarmi
00.gif
25/01/2012
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (62).jpg
Siamo ciò che guardiamo!
anonimo
12806
?operazione=visualizza&idgruppo=31&id=1235&filtro=
madomi
False
€ 0,00
© 2002-2017 eVangelo. Tutti i diritti riservati