Blog di giuseppe


VENERDÌ 5 APRILE 2013

Priorità invertite


I cristiani che trascurano la preghiera hanno alterato le loro priorità. Molti credenti si impegnano a pregare se e quando riescono a trovare tempo. Tuttavia, ogni settimana, cercare Cristo diventa meno importante per loro di lavare la macchina, pulire casa, fare visita agli amici, mangiare fuori, andare a fare spese, guardare eventi sportivi. Semplicemente, non trovano il tempo per pregare.

La gente non era diversa ai giorni di Noè e Lot. Le loro priorità erano di mangiare e bere, comprare e vendere, sposarsi e prendersi cura delle proprie famiglie. Non avevano tempo per ascoltare i messaggi sull’imminente giudizio divino. Così nessuno era pronto quando cadde il giudizio!
Chiaramente, non è cambiato nulla nel corso dei secoli. Per molti cristiani oggi, Dio rimane all’ultimo posto nelle loro priorità; in cima c’è lo stipendio, la sicurezza, il piacere e la famiglia.

Amato, il Signore non vuole i tuoi scarti – quei frammenti e pezzetti di tempo in cui hai solo il momento di mettere insieme qualche veloce richiesta di preghiera. Questo non è un sacrificio di preghiera.

Il profeta Malachia scrive, “Quando offrite in sacrificio un animale cieco, non è male? Quando offrite un animale zoppo o malato, non è male? Presentalo dunque al tuo governatore. Sarà soddisfatto di te? Ti accetterà con favore?’, dice l'Eterno degli eserciti” (Malachia 1:8).

Malachia sta dicendo, “Stai portando solo animali qualsiasi da sacrificare alla presenza di Dio – offerte noncuranti, indifferenti, di seconda mano. Prova a donare tali offerte al tuo governatore e vedrai cosa succederà!”

Dio si aspettava che il Suo popolo esaminasse con cura il proprio gregge, scrutando ogni animale e scegliesse i campioni più immacolati da sacrificare a Lui. Allo stesso modo oggi, Dio si aspetta lo stesso da noi. Egli vuole il nostro tempo di qualità – senza fretta. E dobbiamo rendere questo tempo una priorità!

Una volta m’incontrai col pastore di una delle chiesa più grandi d’America. Quest’uomo era uno dei ministri più impegnati che conoscessi. Mi disse senza problemi, “Non ho tempo per pregare”. Tuttavia, ciò che in realtà voleva dire era, “Non do alcuna priorità alla preghiera”. Quando ho fatto visita alla sua chiesa, non ho avvertito alcun movimento dello Spirito di Dio nella congregazione. In realtà, è stata una delle chiese più morte nella quale abbia mai predicato. Quale vita avrebbe potuto esserci se il pastore non pregava?

Nessun cristiano prenderà tempo per pregare a meno che questo non diventi la sua priorità assoluta di vita – al di sopra della famiglia, della carriera, del tempo libero, di ogni cosa. Altrimenti, il suo sacrificio sarà alterato!

Tratto da: http://www.worldchallenge.org/it/node/22356

DIO TI BENEDICA!



Postato alle 14.08.00 | Visite: 938



I Commenti degli utenti Inserisci/Modifica il tuo commento